Palinuro da scoprire • 10 luoghi

10 luoghi da visitare a Palinuro e dintorni.

Palinuro, meta preferita ogni anno da migliaia di turisti, ha numerosi luoghi da visitare, di inestimabile valore artistico e culturale. Questo elenco vi dara’ alcuni spunti per una visita di Palinuro davvero indimenticabile, con i 10 luoghi assolutamente da non perdersi a Palinuro e dintorni.

Grotte di Capo Palinuro

tuxpi.com.1393066967

Nel viaggio che conduce da Centola a Palinuro, si incontra, come un fedele compagno di cammino, il promontorio Capo Palinuro. Questo tratto costiero rappresenta una delle perle paesaggistiche del Parco Nazionale del Cilento. La sua sfera è delineata da imponenti pareti rocciose che svettano alte sui 200 metri s.l.m. Le 35 grotte di Capo Palinuro rappresentano così uno dei principali poli d’interesse speleomarini di tutt’Europa. Tra queste, la più conosciuta e visitata è la “Grotta Azzurra”, caratterizzata da un itenso color turchese derivante dal gioco di rifrazione della luce solare. Altre grotte molto conosciute sono: la “Grotta dei Monaci”, cosi chiamata per le numerose formazioni stalagmitiche, la “Grotta Preistorica o delle Ossa”, i cui sedimenti fossili testimoniano la frequentazione di uomini primitivi, la “Grotta del Sangue”, così chiamata per l’intenso rosso che si accende sulle sue pareti, la “Grotta Sulfurea” dove il fenomeno idrotermale caratteristico delle cavità marine di Palinuro diviene più evidente ed altre ancora.. Le escursioni alle grotte, In ogni visita che si rispetti a Palinuro non possono che essere d’obbligo.

Spiaggia della Marinella, Palinuro

tuxpi.com.1393067028

Sulla punta meridionale di Palinuro, immersa nella natura, sorge la spiaggia della Marinella, un piccolo angolo di paradiso delineato da 4 cale a mezza luna interamente circondate dal mare azzurro e cristallino. Arrivati alla Marinella ci si accorge subito di essere in un luogo unico: un manto di spiaggia finissima incontra la foce del fiume Lambro che, convergendo in mare, da vita ad un vero e proprio spettacolo della natura. Costeggiata per oltre un chilometro dal lungomare, la spiaggia è raggiunta ad est dall’imponente mole dell’arco naturale e ad ovest dal porto della Molpa, che in epoche passate sorgeva a riva. Come se non bastasse a fare da cornice al paesaggio è lo scoglio del “Coniglio”, tipico per la sua conformazione naturale. Un’atmosfera davvero particolare quella della marinella, dove ovunque si posi l’occhio, c’è qualcosa di bello ed emozionante da ammirare. Da non perdere.

Cala del Buondormire, Palinuro

tuxpi.com.1393066793

La spiaggia del Buondormire è spesso considerata la più bella di Palinuro. Affaccia sulla costa centro-meridionale di Palinuro, lungo il versante tirrenico. Sebbene sia possibile raggiungerla esclusivamente via mare, l’arenile vanta un notevole afflusso di visitatori. Lo scenario è caratterizzato da alture, costoni ed un’insolita vegetazione. Basti pensare le fioriture del corallo rosso, le gorgonie gialle o la rarissima primula di Palinuro. Questi elementi fanno della baia del Buondormire una delle mete preferite dai turisti durante la stagione estiva e in qualsiasi giornata di sole nel resto dell’anno.

Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano

tuxpi.com.1393066844

Con i suoi 170.000 ettari si estende lungo la costa tirrenica del basso cilento raggiungendo i piedi dell’Appennino settentrionale Campano-Lucano. Un autentico paesaggio vivente che conserva le tracce dell’archeologia, della natura e delle tradizioni. Gli Scorci mozzafiato e i colori brillanti offrono così’ un patrimonio artistico e culturale di grande rilevanza. Il Parco Nazionale del Cilento si propone come una delle aree più suggestive dell’intero territorio.

Golfo di Policastro, Sapri

tuxpi.com.1392996542

Una complesso di monti e appennini che affacciano sul mar Tirreno da Punta degli Infreschi a Capo Scalea. L’ambiente, dai i tipici colori mediterranei, nonché il clima che lo caratterizza, fanno si che questo territorio venga considerato tra i più suggestivi d’italia. L’intero ecosistema è delimitato dalla Riserva Naturale del Pollino (tra le più estese d’Europa) e a Nord del Cilento e Vallo di Diano (seconda per estensione, in italia, dopo quelle del Pollino). Visitare questo luogo è davvero un’esperienza indimenticabile.

Torre Quaglia e Torre Calafetente, Palinuro

tuxpi.com.1394967504

A Palinuro percorrendo la strada principale che raggiunge il molo è possibile imbattersi in molteplici sentieri che conducono alle torri storiche di Palinuro. I percorsi si snodano tra i grandi cuscini di ginepro e lentisco che ammantano i costoni protesi sul mare. Proprio qui sorgono le antiche torri di Palinuro: Torre Quaglia e Torre Calafetente. Queste imponenti vestigia, che dominano sulle falesie a picco sul mare, sono testimoni delle antiche civiltà spagnole e francesi che hanno abitato il promontorio e le terre circostanti.

 Museo Archeologico di Paestum

tuxpi.com.1393066897

Il Museo Archeologico Nazionale di Paestum è uno tra i più importanti musei archeologici d’Italia. L’allestimento del museo dimostra, partendo dalla ricostruzione storica dell’antica Poseidonia, lo sviluppo e l’evoluzione della citviltà latina. Nel corso degli anni ha assunto l’attuale configurazione che valorizza la storia stessa del museo,  facendo così riviver

Arco Naturale, Palinuro

tuxpi.com.1392995436

Lungo la spiaggia della Marinella, a pochi passi dalla foce del fiume Lambro, sorge l’Arco Naturale. La sua origine è interamente segnata da frane e smottamenti che nel corso degli anni, hanno modificato interamente la sua struttura morfologica. Oggi l’arco si colloca fra i soli 40 arco naturali asciutti esistenti al mondo. L’ambiente circostante completa la suggestione del posto.

Grotte di Pertosa

tuxpi.com.1394968285

Le Grotte dell’Angelo, a Pertosa sorgono a circa 70 km da Salerno. L’elevato interesse speleologico ha identificato il sito come uno dei più importanti d’Italia. Il complesso di grotte, risalente a circa 35 milioni di anni fa, si estende per circa 3 chilometri e testimonia la presenza dell’uomo sin dall’età della pietra. L’incanto di un surreale paesaggio sotterraneo ancora attivo, in cui l’incessante stillare delle volte, continuando a formare stalattiti e stalagmiti, accompagna il cammino di numerosi visitatori durante tutto l’anno.

Borgo medievale San severino di Centola

tuxpi.com.1392995574

Nel territorio del Mingardo, nel basso Cilento, sorge su di un colle San Severino di Centola. San Severino è un’antico borgo medievale definitivamente abbandonato che oggi è oggetto di salvaguardia e promozione da parte della cittadinanza del posto. Nel periodo estivo e non solo, sono diverse le manifestazioni e i momenti di aggregazione organizzati dalle associazioni del posto finalizzate alla valorizzazione del luogo.